Cavitazione

 

 

 

 

 

 

Per dire addio al grasso e alla cellulite, senza ricorrere al bisturi, si può scegliere la cavitazione, un trattamento mininvasivo che sfrutta le proprietà degli ultrasuoni a bassa frequenza

Odiosi cuscinetti di grasso, pelle a buccia d’arancia: grazie alla cavitazione estetica, un trattamento mininvasivo semplice e senza rischi, questi inestetismi, un vero incubo per molte donne e non solo, potrebbero essere archiviati, nell’arco di una manciata di sedute, come un brutto ricordo. Proprio così, la cavitazione estetica, grazie all’impiego di ultrasuoni a bassa frequenza è una delle soluzioni più efficaci per eliminare grasso e cellulite.

La cavitazione estetica: tutto merito degli ultrasuoni
Tutto merito degli ultrasuoni e della professionalità dello specialista che esegue il trattamento di medicina estetica, quando si tratta di cavitazione.
Infatti, questa tecnica sfrutta le proprietà degli ultrasuoni a bassa frequenza, che sono in grado di danneggiare e distruggere le cellule adipose, i “mattoncini” che compongono gli accumuli di grasso localizzati, per eliminare cuscinetti e “maniglie dell’amore”.

La cavitazione: come funziona
Gli ultrasuoni a bassa frequenza sono i protagonisti del trattamento e del suo esito positivo, ma come avviene esattamente? Lo specialista passa un manipolo sulla zona interessata, dove si annida il grasso o la cellulite da eliminare, che emette ultrasuoni a bassa frequenza.
Trasmessi gli impulsi giusti, gli adipociti vengono distrutti e, poi, eliminati dall’organismo definitivamente, attraverso il sistema linfatico e i processi metabolici fisiologici. La cavitazione è una metodica mininvasiva, uno dei rimedi più sicuri, senza particolari rischi o effetti collaterali, che può essere sfruttata efficacemente per trattare molte zone del corpo, quelle più “critiche” dal punto di vista estetico, come gambe, addome, fianchi e braccia.

Chiama Ora
Dove Siamo
Email